Leggi il post
Tempo di lettura: 3 minuti

Da un po’ di tempo, con Internet e la globalizzazione, il mondo si è ristretto. E con i social media si sono invece ampliate le possibilità di sentirsi al centro del mondo“. Tra i motivi sul perché prendere in mano, sotto l’ombrellone o dove preferite, il libro “Trovare le parole” di Vera Gheno e Federico Faloppa c’è anche questo: sentirsi al centro del mondo richiede una presa di coscienza di ciò che si fa e si dice e delle parole che scegliamo per esprimerci. Perché “più siamo immersi in queste dinamiche, meno sembriamo renderci conto del loro funzionamento – che diamo per scontato e assodato – e dei nostri limiti nel tentare di gestirle“.

#daleggere

Sotto il sole o in un posto all’ombra, possiamo per un attimo appoggiare le nostre certezze su tutto e ripartire da questo abbecedario delle parole “per una comunicazione consapevole”. Facendolo, potremmo scoprire che:

1. L’ascolto è la prima parola, sempre

La parola ascolto nel libro è la prima non certo e solo per ordinamento alfabetico. E’ la prima perché “ascolto indica un metodo, un modo per mettere in discussione noi stessi, ma anche lo spazio e le pratiche dell’agire“.

Ascolto come “strumento fondamentale non solo per comunicare, ma anche per gestire l’interazione, il dubbio, il conflitto, i punti di vista altrui. E per costruire partecipazione, coinvolgimento, coesistenza“.

Come a dire che senza ascolto non si va da nessuna parte, tanto meno ci si può confrontare, scontrare, sfidare a distanza tramite i social network e il mondo solo apparentemente virtuale che ci hanno costruito intorno.

2. Ritrovare il coraggio di essere zen ci salverà

“Non ti devi arrabbiare” è una frase che abbiamo sentito milioni di volte e milioni di volte, soprattutto nel momento in cui stavamo “litigando” su Whatsapp o su un qualunque altro posto virtuale. Eppure, ci ricordano Vera Gheno e Federico Faloppa, “troppo spesso ci si giustifica, nella nostra fretta di comunicare, affermando che è colpa dei mezzi di comunicazione che usiamo”. Infatti, “nessuno ci costringe a leggere o a scrivere (e parlare, e digitare) in maniera affrettata, in condizioni normali. Questo significa che possiamo almeno provare a fare un respiro profondo e cercare di concederci quel breve tempo necessario per avere piena consapevolezza degli atti di comunicazione che stiamo facendo“.

Un momento in cui, pur restando “zen”, non dovremo rinunciare a parlare e dire la nostra è invece quando assistiamo a episodi di odio rivolti ad altri e altre. In questi casi restare in silenzio, imperturbabili, passare oltre è un errore, anche se l’odio non è rivolto a noi. Perché “tali comportamenti comunicativi deprecabili possono avvenire – e prosperare – anche grazie all’indifferenza diffusa di chi vede, ma non interviene“.

3. Le parole non sono solo parole

Le parole non sono solo parole è il concetto centrale che si ritrova in ogni pagina del libro. Compresa su quella che accende un lumicino sulla parola Educazione, “al centro, sempre e comunque”.

Educazione che parte da quella linguistica, appunto. Soprattutto in un tipo di comunicazione, come quella digitale, in cui scompaiono tutti gli accompagnatori delle parole: il tono di voce, lo sguardo, la mimica per lasciare solo le parole che scriviamo.

Un bel consiglio che spunta fuori dalle pagine: “Nessuno ci costringe a comunicare a ogni costo, e non dobbiamo per forza dire la nostra come se questo fosse una specie di attestazione di esistenza di vita. Dobbiamo disabituarci al doping della comunicazione senza se e senza ma, solo per il fatto di mostrare che ci siamo. In sostanza, il modo migliore per evitare incidenti è fermarsi un attimo a riflettere su quello che si sta facendo, e ogni tanto scegliere il silenzio.

E' analista, programmatrice e formatrice. Giornalista per passione, scrive quasi esclusivamente di tecnologia. Ma prima o poi cambierà tema. O forse no.

REPUBLISHING TERMS

You may republish this article online or in print under our Creative Commons license. You may not edit or shorten the text, you must attribute the article to Si fa scuola and you must include the author’s name in your republication.

If you have any questions, please email antonio.faccioli@soluzioniopen.com

License

Creative Commons License AttributionCreative Commons Attribution
Il tempo dei libri: 3 cose che ho capito con “Trovare le parole”