Leggi il post
Tempo di lettura: 2 minuti

Chi sono i nostri ragazzi e le nostre ragazze, quelli della cosiddetta Generazione Z? Li conosciamo davvero? Cosa fanno? Quali abitudini hanno? Cosa provano? Quali paure affrontano? Il libro “Chi sono? Io. Le altre. E gli altri” di Daniele Grassucci e Federico Taddia, attraverso un questionario erogato a circa 30mila ragazzi e ragazzi tra i 12 e i 17 anni prova a fare quello che si potrebbe chiamare “selfie generazionale“.

Quali le parole sulle quali riflettere?

Diversi sono i temi presi in esame dalla ricerca: amore, amicizia, corpo, credo, felicità, futuro, impegno, passioni, paure, rabbia, rivoluzioni e social. Temi che aiutano chi legge a comprendere questa generazione che, come sottolineano gli autori, è una “generazione stanca di essere raccontata da quelli che si definiscono adulti e che pensano di essere migliore, ma in fondo hanno lasciato in eredità un mondo più incasinato di quello che hanno trovato“.

Cosa succede dentro i social?

Uno dei capitoli che più incuriosisce è quello dei social, soprattutto da quando, con la pandemia, si sono sviluppati ancora di più mondi paralleli in cui vivono ragazzi e ragazze. Qual è il rapporto con lo smartphone? Cosa spaventa di più e cosa succede di “pericoloso” nelle città virtuali? Tante le domande alle quali hanno risposto “quelli della generazione Z”, il 33% dei quali accede a più di tre servizi di messaggistica istantanea in un giorno. Tra le cose più curiose emerse, la possibilità di diventare amici sui social che, per il 48% risulta essere difficile, mentre per un 45% assolutamente possibile, o la domanda sull’amore, difficile da far nascere sui social per il 56%, impossibile solo virtuale per il 25% e possibile per un 19%.

Ragazz* tra paure e speranze

Le pagine del libro dedicate alla parola paura mostrano come ciò che fa più paura per il 47% degli intervistati è “deludere i genitori”, seguito da “deludere me stess*” e “deludere gli/le amic*”. Per il 60% la pandemia ha portato nuove paure, e il 40% ha subito atti di bullismo almeno una volta.

Non mancano certo le passioni, nonostante gli adulti ripetano spesso il “dovresti avere una passione”. Il 72% dei ragazz* e delle ragazz* ce l’ha e il 44% sarebbe disposta a dedicare meno tempo ai social per curarla adeguatamente. Su tutte spicca la musica, il ballo, il suonare ma anche il leggere, come a voler smentire quello che si pensa dei “giovani di oggi”.

Chi sono quelli della generazione Z?

Leggendo le diverse risposte pubblicate si hanno conferme e sorprese rispetto a quello che ciascuno pensa di questa generazione che, scrivono gli autori nella parte finale, è “in grado di mettere in crisi tutte le altre generazioni e che si trova di fronte sfide mica da ridere: trovare lavoro, rivoluzionare la scuola, salvare il pianeta“.

E' analista, programmatrice e formatrice. Giornalista per passione, scrive quasi esclusivamente di tecnologia. Ma prima o poi cambierà tema. O forse no.

REPUBLISHING TERMS

You may republish this article online or in print under our Creative Commons license. You may not edit or shorten the text, you must attribute the article to Si fa scuola and you must include the author’s name in your republication.

If you have any questions, please email antonio.faccioli@soluzioniopen.com

License

Creative Commons License AttributionCreative Commons Attribution
Generazione Z: chi sono io, le altre e gli altri?