Leggi il post
Tempo di lettura: 2 minuti

Il 9 febbraio si terrà il Safer Internet Day, giornata internazionale dedicata alla promozione dell’uso consapevole della Rete. Quest’anno si celebra la 18° edizione e, come non mai, credo sia opportuno da parte delle scuole e delle famiglie promuovere delle azioni per rendere Internet un luogo più sicuro e migliore per tutti.

In questi mesi la pandemia ci ha costretti a spostare molte delle nostre azioni quotidiane su piattaforme digitali dalla didattica al lavoro. Si è fatto un largo uso di sistemi di messaggistica, di videochiamata e di collaborazione.

Per i genitori

Internet non è un luogo da demonizzare perché, come tutti gli strumenti, se usato bene può far crescere i nostri figli.

Può essere uno spazio, seppur virtuale, per mantenere relazioni e crearne di nuove. Con la speranza di tornare poi ad incontrare più facilmente i nostri amici vicini e lontani.

Può essere un luogo dove fare viaggi, visitare musei, imparare lingue leggendo giornali online oppure conversando con contatti madrelingua.

Per insegnanti

Per gli studenti Internet è una ricca biblioteca dove trovare notizie, approfondire concetti, accedere a contenuti di libera conoscenza.

Sta però alla Scuola e agli insegnanti accompagnare i ragazzi in un uso consapevole e critico di questa enorme quantità di informazioni.

Per docenti e studenti la grande Rete può essere anche un luogo dove essere protagonisti creando contenuti attraverso blog, servizi wiki e di streaming.

FaceBambi

Come detto prima il COVID ci ha costretto ad utilizzare diverse piattaforme per dialogare, socializzare e creare contenuti. Molte di queste sono state realizzate oltreoceano, ma esistono anche in Italia prodotti alternativi di cui è giusto e opportuno parlare. Una di queste è FaceBambi.

Si tratta di un progetto tutto italiano nato proprio all’interno della scuola, da iniziative laboratoriali tenute da alcuni genitori. Oggi FaceBambi è gestito da un’associazione di promozione sociale e il suo utilizzo è semplimente collegato alla sottoscrizione della tessera d’iscrizione associativa.

Nato come social network per sostenere delle iniziative di emergenza sociale, oggi è uno strumento completo di supporto all’educazione digitale che coinvolge, docenti, educatori, genitori e studenti.

Al suo interno sono disponibili ad esempio strumenti come chat, videostreaming per creare dei canali simil Youtube, giochi, compiti e spazio blog. Vi lasciamo di seguito un breve video che vi presenta alcune delle funzionalità.

Docente, formatore e facilitatore nel campo ICT. Cofondatore del coderdojo il Tione (Verona), si occupa da diversi anni di accompagnare bambini, ragazzi e adulti alla scoperta del mondo digitale in modo consapevole

REPUBLISHING TERMS

You may republish this article online or in print under our Creative Commons license. You may not edit or shorten the text, you must attribute the article to Si fa scuola and you must include the author’s name in your republication.

If you have any questions, please email antonio.faccioli@soluzioniopen.com

License

Creative Commons License AttributionCreative Commons Attribution
FACEBAMBI, social network e didattica online