Leggi il post
Tempo di lettura: 2 minuti

Negli articoli precedenti abbiamo parlato di Jamboard, l’applicazione di Google che simula le attività di una lavagna digitale e abbiamo provato a creare una Jam.

Oggi parliamo di condivisione.

Come sappiamo, i programmi di Google hanno come caratteristica principale e punto di forza la possibilità di condividere con altri utenti il progetto che si sta realizzando e permettere loro (in base alla scelta delle autorizzazioni), di lavorare direttamente sul file.

Tale funzionalità è presente anche in Jamboard.

Quali sono i vantaggi?

Condividere significa poter disporre del proprio lavoro in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, senza dover utilizzare dispositivi quali chiavette usb e hard disk esterni, bastano infatti, un pc, un tablet o uno smartphone e una connessione internet.

La condivisione permette anche la collaborazione tra gli utenti, ossia la possibilità di lavorare al progetto direttamente, in qualsiasi momento e comodamente da casa.

Per i genitori e studenti

Pensiamo ad un lavoro di gruppo. Ragazze e ragazzi possono scegliere Jamboard per creare il progetto da presentare alla classe, inserendo il proprio contributo e avendo sempre sott’occhio il lavoro degli altri membri.

Inoltre non avremo bisogno di inviare mail o scambiare file attraverso delle chiavette, senza contare che stiamo utilizzando uno strumento web e possiamo utilizzare qualsiasi dispositivo.

Per il docente

Utilizzare una Jam può essere un buon modo per creare interazione all’interno della classe, soprattutto durante la didattica a distanza.

Il docente realizza il file base con le informazioni più importanti da trasmettere alla classe, una sorta di traccia sulla quale lavorare e gli studenti andranno ad inserire il proprio contributo durante la lezione.

Mentre ragazzi e ragazze lavorano al file sul proprio pc, il docente proietterà la Jam e tutti potranno vedere la sua realizzazione.

Jamboard permette di coinvolgere, collaborare e rendere più dinamica la lezione, anche a distanza.

Per spiegarvi al meglio queste funzionalità, ecco un breve video per voi!

Laureata in lettere e appassionata di letteratura, da qualche anno strizzo l’occhio all’informatica e al digitale, tanto da farne una professione.
Mi occupo di insegnamento di programmi d’ufficio, digital marketing e tecnologie digitali.
Cerco sempre di rendere l’apprendimento dinamico, a tratti giocoso, invitando chi mi ascolta a provare, riprovare e sperimentare.
La pratica e la voglia di mettersi in gioco sono, per me, gli elementi fondamentali per imparare.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x

TERMINI DI RIPUBBLICAZIONE

Puoi ripubblicare questo articolo online o in formato cartaceo con la nostra licenza Creative Commons. Non puoi modificare o accorciare il testo, devi attribuire l'articolo a Si Fa Scuola e devi includere il nome dell'autore nella tua ripubblicazione.

In caso di domande, inviare un'e-mail antonio.faccioli@soluzioniopen.com

License

Creative Commons License Attribution-NonCommercial-ShareAlikeCreative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike
Jamboard: condividere e collaborare