Leggi il post
Tempo di lettura: < 1 minuti

Molto si parla di STEM, ovvero delle discipline legate a “Science, Tecnology, Engineering and Mathematics”, tanto importanti nella scuole proprio perché consentono a ragazze e ragazzi di avvicinarsi a temi per i quali sembra che 6 studenti su 10 trovino difficoltà, nonostante siano considerate interessanti. Ma come approcciarle e perché?

Perché STEM?

Volendo partire dal perché proporre a ragazzi e ragazze progetti STEM, si può dire che queste stimolano il problem solving, ovvero la capacità di trovare soluzioni a problemi, e consentono di acquisire competenze legate all’intelligenza numerica, anche in modo precoce.

Un progetto da replicare: l’orto in 3D

Un progetto interessante, promosso dall’Istituto Ciuffelli-Einaudi di Todi e finanziato dal Dipartimento delle Pari Opportunità per favorire l’approccio alle discipline matematico-scientifiche da parte dei giovani studenti italiani, è Erbolart 3D, che ha visto la ricostruzione di un orto botanico scolastico interamente con TInkercad.

Quattordici i giovani partecipanti al corso, articolato in 10 incontri interamente online e della durata complessiva di 40 ore, che si sono cimentati nella progettazione in 3D e nell’applucazione di tecnologie IoT.

In pratica i partecipanti hanno utilizzato specifici software volutamente selezionati tra quelli liberi e open source per realizzare dei modelli delle varie erbe, fiori e piante, da poter stampare anche in 3D. I ragazzi e le ragazze hanno così riprodotto tridimensionalmente l’orto delle erbe aromatiche e officinali esistente realmente presso la Cittadella Agraria e intitolato alla Strega di Matteuccia, una figura storica realmente esistita e con gli atti del processo per stregoneria, risalenti al XV secolo, conservati presso l’archivio comunale di Todi.

Oltre a questo hanno realizzato un blog tramite il quale narrare il percorso formativo, presentare i lavori realizzati e far comprendere ad altri le modalità di semplificazione e ricostruzione delle diverse piante.

I

E' analista, programmatrice e formatrice. Giornalista per passione, scrive quasi esclusivamente di tecnologia. Ma prima o poi cambierà tema. O forse no.

REPUBLISHING TERMS

You may republish this article online or in print under our Creative Commons license. You may not edit or shorten the text, you must attribute the article to Si fa scuola and you must include the author’s name in your republication.

If you have any questions, please email antonio.faccioli@soluzioniopen.com

License

Creative Commons License AttributionCreative Commons Attribution
STEM: l’orto della strega ricostruito in 3D